domenica 6 agosto 2017

Recensione #6 "Questo canto selvaggio" di Victoria Schwab

Questo canto selvaggio "Victoria Schwab"


Edizione: Giunti
Pagine: 394
Genere: YA
Prezzo: € 18,00

VOTO:

Bel libro!
___________________________________________________________________
Kate Harker e August Flynn sono eredi dei due acerrimi nemici che si spartiscono Verity City, metropoli spietata che per anni è stata teatro di attentati e crimini efferati, finché la violenza ha cominciato a generare mostri, creature d'ombra appartenenti a tre stirpi: i Corsai e i Malchai, avidi di carne e sangue umani, e i potenti Sunai, che come angeli vendicatori con il loro canto seducono e divorano l'anima di chi si sia macchiato di crimini. Kate vorrebbe dimostrarsi decisa e implacabile come il padre, che permette ai mostri di infestare le strade e si fa pagare dai concittadini per proteggerli. August vorrebbe solo essere umano, generoso come il padre adottivo, ma la sua maledizione è di essere ciò che gli uomini maggiormente temono: l'ultimo dei Sunai. Proprio mentre  la fragile tregua che mantiene la pace tra gli Harker e i Flynn rischia di incrinarsi, un agguato omicida costringe Kate e August a una precaria alleanza. Ma quanto potranno sopravvivere in una città popolata dai mostri e in cui nessuno è al sicuro?
____________________________________________________________________

"Parecchi esseri umani sono mostruosi, e parecchi mostri sanno giocare agli esseri umani."

Victoria ci apre subito il suo mondo: Verity City, città puramente fantastica situata all'interno degli Stati Uniti (che nel libro non si chiamano nemmeno cosi). Una città carica di violenza e teatro di crimini. Da questo tumulto si generano dei veri e propri mostri: i Corsai e i Malchai, avidi di sangue  e carne umana; i Sunai, differenti da questi mostri, loro appaiono come degli esseri umani qualsiasi e si cibano dell'anima dei peccatori suonando uno strumento musicale. Li definirei come una sorta di "angeli". Negli anni questa città è stata divisa in due fazioni: North City, troviamo la famiglia Harker, si fanno pagare dai cittadini per avere la loro protezioni dai mostri; South City, la famiglia Flynn che ha adottato August, ultimo dei Sunai. Quest'ultimi combattono perennemente contro i mostri. Flynn, decide di accontentare il figlio e mandarlo, sotto copertura, alla Colton, una scuola privata all'interno della protezione Harker, 'ove conoscerà Kate Harker.  
August, a differenza di altri Sunai, vorrebbe essere umano: normale. Kate, figlia di Harker, è una ragazza difficile, diffidente e che vuole dimostrare a tutti i costi a suo padre di essere una vera Harker. Il suo personaggio mi ha un po' fatto pena perché si sa; dietro tutta quella corazza da dura c'è un cuore sensibile che pensa ancora alla morte della madre. 
August e Kate si incontrano casualmente e non subito tra i due c'è un dialogo, anzi, inizialmente Kate sembra proprio apprezzare il fatto che August sia molto silenzioso finchè non gli chiede di suonargli il violino. Il no di August porta subito in allarme Kate. Nessuno può dire di no ad una Harker. Così la nostra protagonista comincia a cercare informazioni sulla famiglia di Freddie (cosi si fa chiamare con il nome falso August). 
Kate scopre la verità e proprio da qui iniziano le avventure dei nostri protagonisti. Un pluriomicidio a scuola fa scattare la violazione del Trattato tra le due fazioni, cosi Kate e August cominciano a collaborare e scappano verso un posto più sicuro, cosi si pensava, qui verranno attaccati da due Malchai, entrambi con una H strappata sulla guancia, segno che erano proprietà del padre di Kate. 
Le ultime pagine sono una scossa di adrenalina, da un lato August e la sua forza di non cedere all'oscurità, che anche essere un mostro non significa per forza dover fare del male e l'accettazione di sé stessi; dall'altro Kate, un rapporto difficile con il padre la spinge ad andare oltre Verity City e trovare, si spera, un posto da chiamare "casa". 
Un libro che consiglio a tutti gli appassionati di fantasy, distopici e di YA. Questo libro non può mancare nella vostra libreria.


Fatemi sapere se vi sono stata d'aiuto con questa recensione. Lasciate un commento ↓

xoxo

Ilaria

1 commento:

  1. E' da un po' che voglio comprare questo libro, mi ispira tantissimo! Solo ce mi frena il fatto che il secondo non sia ancora in uscito in italiano.
    Quindi vorrei comprarlo in inglese...
    Ma in inglese ho paura di non riuscire a godermi a pieno la storia, nonostante legga in inglese abbastanza bene, peno che in italiano sia logico capirci di più ahah
    Alla fine penso che li leggerò entrambi in inglese, non so aspettare!
    Comunque bellissima recensione!

    RispondiElimina

Recensione #15 "Magic" di V.E.Schwab

"Magic" di V.E. Schwab Editore: Newton Compton Editori Pagine: 410 Genere: Fantasy Prezzo: € 10,00 VOTO: Be...

Recent Posts